SUBBUTEO – TROFEO DEI RE – TULLIO OSTILIO

Morgan Croce (BRN) – Andrea Strazza (ORO) – Michele Fenucci (ARG)

Diciottesimo torneo regionale del Circuito Gran Prix Lazio di Subbuteo Tradizionale FISCT, terza prova del Circuito Trofeo dei Re intitolata, questa, a Tullio Ostilio.

Questi in sintesi alcuni numeri del torneo di Subbuteo disputato domenica 19 giugno, in orario pomeridiano, presso il Centro Sportivo in Miniatura.

I sedici giocatori si sono confrontati in un gruppo unico di qualificazione sulla distanza di 4 partite determinate con il format svizzero. Terminata questa fase abbiamo dato spazio alla classica eliminazione diretta con 4 raggruppamenti di 4 giocatori che si sono confrontati in semifinali e finali.

Le qualificazioni hanno registrato il dominio di Morgan Croce (12 punti) che ha preceduto Michele Fenucci, Fabio Belisario, Andrea Strazza e Amerigo Scatamacchia, tutti a 9 punti.

Alle loro spalle un nutrito gruppo di giocatori a 6 punti: Stefano Pacitti, Luca Di Lullo, Enrico Ronchetti, Francesco Zolfanelli, Roberto Torini e Marco Perotti.

Molto equilibrate le semifinali master ad eliminazione diretta entrambe terminate risolte ai piazzati dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi con una rete per parte.

Nella prima semifinale Andrea Strazza ha la meglio su Morgan Croce (5-4 d.t.p.) e Michele Fenucci prevale su Fabio Belisario (4-2 d.t.p.).

La finale, decisamente inattesa all’inizio del torneo, ha visto Andrea Strazza superare 5-2 Michele Fenucci al termine di una partita disputata a viso aperto, senza troppi tatticismi.

Al terzo posto termina Morgan Croce che non dà scampo a Fabio Belisario chiudendo 4-1.

Con questa vittoria Andrea Strazza si aggiudica il terzo titolo del Trofeo dei Re. La strada per completare la collezione dei Re di Roma che assegna anche il Trofeo è ancora molto lunga…

Di seguito risultati e classifica del torneo, l’aggiornamento della classifica generale del circuito Grand Prix Lazio di Subbuteo FISCT e del montepremi stagionale che, con il torneo di ieri, ha raggiunto la ragguardevole cifra di trecento euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *